L’ agenda per la nuova economia*

Riportiamo una sintesi del report presentato da Draghi e Rajan, che indica 10 principi da seguire e indica alcuni strumenti per affrontare questa nuova fase della crisi del mondo delle imprese.

La situazione

La pandemia, cambiando drasticamente i modelli di consumo e le attività aziendali, sta innescando una grave crisi di solvibilità delle imprese in molti paesi. Oltre alle politiche a sostegno diretto dell’occupazione, le risposte politiche iniziali a sostegno delle imprese si sono concentrate sulle questioni di liquidità. Un certo sostegno alla liquidità è ancora necessario, ma ora la questione cruciale è la solvibilità. I policymakers devono agire con urgenza, poiché la crisi di solvibilità sta già erodendo la forza delle imprese in molti paesi. Il problema è peggiore di quanto appaia in superficie, poiché il massiccio sostegno alla liquidità e la confusione causata dalla natura senza precedenti di questa crisi stanno mascherando l’intera portata del problema, con un “precipizio” di insolvenze in arrivo in molti settori mentre i programmi di sostegno si assottigliano e il patrimonio netto esistente viene consumato dalle perdite. Tuttavia, la difficoltà di prevedere la durata e il percorso di ripresa e di distinguere tra cambiamenti strutturali o temporanei della domanda, rende difficile determinare la redditività a lungo termine delle imprese durante la pandemia. Ciò complica il disegno di misure a sostegno delle imprese. Questa crisi di solvibilità differisce nettamente dalla crisi finanziaria globale, che era incentrata sul sistema finanziario e sui problemi di liquidità. Alcune delle risposte di quella crisi precedente sono valide ancora, ma sono necessari anche nuovi approcci.

La risposta

La prima ondata di misure incentrate sulla liquidità ha impedito conseguenze molto più gravi per le imprese, i posti di lavoro e per l’economia più in generale. Con il progredire della crisi, servono risposte che tengano conto dei cambiamenti strutturali innescati dalla pandemia e affrontare i seguenti problemi che rendono la risposta iniziale insostenibile:

Targeting inadeguato del sostegno, che non riesce ad adattare le misure alle situazioni di imprese diverse;

Un’eccessiva attenzione alla fornitura di credito, che rischia di sovraccaricare le imprese di debiti, promuovere un uso inefficiente delle risorse e generare problemi futuri;

Un eccessivo processo decisionale diretto del governo e un uso subottimale delle competenze del settore privato;

Un livello di spesa pubblica che sarebbe insostenibile per la durata potenziale della crisi economica in corso.

In questo rapporto raccomandiamo ai responsabili politici: una serie di principi fondamentali universali per guidare la progettazione della risposta politica; una serie di potenziali strumenti con cui rispondere; un quadro decisionale per determinare le risposte politiche appropriate. Il nostro obiettivo è incoraggiare lo sviluppo di azioni politiche che supportino la resilienza e la crescita economica a lungo termine e miglioramenti su larga scala degli standard di vita, riducendo al minimo i costi per il pubblico.

I 10 principi fondamentali

Raccomandiamo una serie di principi fondamentali che rientrano in tre grandi aree di interesse:

Concentrarsi sulla salute a lungo termine delle imprese. La durata della pandemia ci costringe a concentrarci su questioni strutturali e solvibilità, piuttosto che acquistare tempo concentrandoci sulla liquidità.

Concentrarsi sull’uso più produttivo delle risorse. In questa fase è fondamentale che le politiche pubbliche siano orientate verso una forte ripresa economica. Questo è uno dei motivi per sfruttare le capacità del settore privato laddove esistono, per sfruttare le scarse risorse pubbliche e per valutare la redditività delle imprese.

Concentrarsi sulla prevenzione dei danni collaterali. L’esempio principale è evitare conseguenze indesiderate per la stabilità finanziaria, incluso il mantenimento della capacità del sistema finanziario di sostenere l’erogazione di prestiti e la ripresa.

I policymakers dovrebbero fare affidamento su dieci principi fondamentali per contribuire a mettere in pratica queste tre aree di interesse:

1) Agire con urgenza per affrontare la crescente crisi di solvibilità delle imprese. Questa crisi minaccia una prolungata stagnazione economica e danni per famiglie e lavoratori, se precipita in un’ondata di fallimenti o nella creazione di masse di imprese zombie.

2) Indirizzare con attenzione il sostegno pubblico per ottimizzare l’uso delle risorse. I policymakers devono considerare come allocare le risorse scarse e come facilitare un adeguato assorbimento delle perdite da parte degli attuali stakeholder. L’aiuto indiscriminato comporta il rischio di imporre un onere significativo ai contribuenti. Non tutte le aziende in difficoltà dovrebbero ricevere un sostegno pubblico. Le risorse non dovrebbero essere sprecate per aziende che sono destinate al fallimento o che non ne hanno bisogno.

3) Adattarsi alla nuova realtà, invece di cercare di preservare lo status quo. Il settore imprenditoriale che esce da questa crisi non dovrebbe apparire esattamente come prima a causa degli effetti permanenti della crisi. I governi dovrebbero incoraggiare le trasformazioni necessarie o auspicabili e gli aggiustamenti nell’occupazione. Ciò potrebbe richiedere una certa quantità di “distruzione creatrice” poiché alcune aziende chiudono e ne aprono di nuove, e dato che alcuni lavoratori hanno bisogno di spostarsi tra aziende e settori, attraverso un’adeguata assistenza e riqualificazione.

4) Le forze di mercato dovrebbero generalmente essere autorizzate a operare, ma i governi dovrebbero intervenire per affrontare i fallimenti del mercato che creano costi sociali sostanziali.

5) Sfruttare l’esperienza del settore privato per ottimizzare l’allocazione delle risorse. L’efficiente funzionamento dei mercati può aiutare ad allocare le risorse (e i costi). I governi sono solitamente meno capaci di scegliere vincitori e vinti e di strutturare iniezioni di finanziamenti che allineano adeguatamente gli incentivi. Quando si combinano competenze e risorse del settore pubblico e privato, spesso la soluzione ottimale sarà fornire incentivi statali per incoraggiare o incanalare gli investimenti del settore privato.

6) Bilanciare attentamente la combinazione di obiettivi nazionali più ampi con misure di sostegno alle imprese. Molti paesi sono interessati a utilizzare le loro risposte politiche per accelerare i cambiamenti strategici, come il green o la digitalizzazione. Si tratta di una scelta legittima, ma richiede un attento bilanciamento della volontà di orientare il processo di cambiamento rispetto alla necessità di evitare di imporre vincoli eccessivi alle imprese in difficoltà o un’allocazione troppo ristretta del sostegno a pochi settori o imprese.

7) Ridurre al minimo il rischio e massimizzare il potenziale ritorno per i contribuenti. Le misure di sostegno del governo dovrebbero limitare i rischi per i contribuenti, ad esempio attraverso la distribuzione graduale dei finanziamenti, e comportare alcuni vantaggi diretti, ad esempio attraverso una quota dei profitti futuri.

8) Essere consapevoli dell’azzardo morale senza compromettere gli obiettivi. Laddove le imprese sono entrate nella crisi con un indebitamento eccessivo, c’è il pericolo di “salvare” i proprietari e manager che si erano presi troppi rischi, il che può anche produrre problemi di azzardo morale attraverso l’aspettativa di salvataggi futuri. Allo stesso tempo, i governi dovrebbero evitare un’eccessiva attenzione sull’attribuzione di colpe: un tale approccio potrebbe danneggiare le misure essenziali di sostegno alle imprese necessarie per il bene della società.

9) Trovare il giusto tempismo nella predisposizione e nella durata degli interventi. I policymakers dovrebbero muoversi rapidamente, ma disegnare i loro programmi in modo da riflettere l’incertezza della crisi, oltre a mitigare le tendenze politiche e burocratiche di rendere i programmi temporanei permanenti. Le misure dovrebbero essere progettate per un’eliminazione graduale quando non sono più necessarie.

10) Anticipare potenziali ricadute sul settore finanziario per preservarne la forza e consentire a esso di guidare la ripresa. Decisioni politiche dovrebbero evitare azioni che indebolirebbero in modo significativo il settore finanziario, come costringere le banche a concedere crediti in sofferenza per sostenere l’economia.

Fare scelte difficili

Questi principi forniscono una guida per le scelte spesso impopolari che la maggior parte dei governi dovrà fare. Come:

• Ridurre l’ampio sostegno alle imprese e passare a misure più mirate e focalizzate su quelle aziende che necessitano di sostegno ma che dovrebbero essere sostenibili nell’economia post-Covid;

• Limitare il sostegno pubblico alle imprese alle circostanze in cui c’è un fallimento del mercato;

• Collaborare con il settore privato per finanziare le necessarie ristrutturazioni di bilancio (ogni analista serio riconosce che i governi hanno pesanti vincoli pratici e politici nell’indirizzare prestiti e investimenti alle imprese che saranno redditizie a lungo termine ma che necessitano di aiuto ora).

• Investire equity e quasi-equity delle imprese: il momento per molte aziende di aumentare il capitale proprio e di limitare l’indebitamento. I governi possono incoraggiare questo processo.

• Modifica delle leggi fallimentari o introduzione di nuovi schemi di ristrutturazione per imprese che altrimenti fallirebbero. C’è un forte consenso sul fatto che la maggior parte dei paesi ha leggi fallimentari che sono inadatte a una situazione come quella attuale. Questa crisi aumenta la necessità di affrontare le riforme delle leggi sull’insolvenza o di sperimentare nuovi schemi che faciliterebbero le ristrutturazioni del debito commerciale senza il ricorso a procedure fallimentari.

Strumenti potenziali

Proponiamo una cassetta degli attrezzi di misure per supportare le imprese:

• Programmi di credito mirati per incoraggiare il prestito ad aziende redditizie e solvibili;

• Politiche per incoraggiare gli investimenti azionari nelle imprese redditizie;

• Consentire la ristrutturazione dei bilanci di imprese altrimenti redditizie da realizzare rapidamente e a costi contenuti, anche attraverso la riforma del diritto fallimentare.

È tempo di agire

I policymaker devono agire con urgenza se ancora non lo stanno facendo. La crisi di solvibilità sta già erodendo la forza di fondo del settore delle imprese in molti paesi. E’ necessaria un’azione per progettare e attuare le politiche e le strutture necessarie prima che le aziende falliscano.

 

*Dal Rapporto sulla ristrutturazione delle imprese dopo il Covid (“Reviving and Restructuring the Corporate Sector post-Covid”), del Gruppo dei Trenta o G30, ,presentato dall’ex presidente della Bce Mario Draghi e da Raghuram Rajan economista all’Università di Chicago ed ex governatore della Banca centrale indiana.