Seguici anche su Youtube

Newsletter

Italia e Giappone, paesi più vecchi del mondo. Auguri!

Shinzo Abe, primo ministro giapponese da oltre un decennio è salito agli onori della cronaca per aver dato il suo nome ad una nuova teoria, Abeconomics, consistente nella massiccia iniezione di capitali pubblici nell’economia, senza risultati apprezzabili sulla crescita. Anche l’Italia può lamentare decenni di risultati negativi sulla crescita pur avendo aumentato il debito. Due paesi geograficamente e culturalmente lontani, appaiono vicini per risultati socio-economici.

Quali sono i paesi col più basso indice di natalità? Giappone, 1,3 figli per donna e Italia, 1,4 contro una media mondiale di 2,0.

Quali sono i paesi più vecchi del mondo? Giappone, 46 anni di età media ed Italia 45, contro una età media mondiale di 30 anni.

Quali sono i grandi paesi dall’economia più stagnante da decenni? Italia la cui crescita media è stata zero% dal 2000 al 2015 e Giappone, la cui crescita media è stata dello 0,8% nello stesso periodo. Contro una crescita mondiale media del 3,5%.

Quali sono i grandi paesi col più alto debito pubblico al mondo? Giappone col 240% del Pil ed Italia col 130%.

Quali sono i paesi col più basso livello di IDE, investimenti diretti esteri? Nell’ultimo decennio sia in  Italia che in Giappone gli IDE in entrata sono stati inferiori all’1% dei rispettivi Pil.

Quali sono i grandi paesi industriali col più basso numero di stranieri immigrati? Giappone col 2% ed Italia con  8,3%, contro valori medi molto più alti di altri grandi paesi, USA, Canada, Germania, G.Bretagna, Francia, Spagna, tutti superiori al 13%.

La mia tesi è semplice, la stagnazione economica dell’Italia ha molte cause, a cominciare dalla inefficienza della pubblica amministrazione e della Giustizia, per finire ad un capitalismo industriale familiare ed asfittico.

La causa numero uno del declino economico è la bassa natalità ed il conseguente invecchiamento che danneggia sia la domanda che l’offerta e quindi il Pil e l’occupazione.

Dal lato della domanda, il Pil è fatto per l’80% di consumi ed i consumi degli ultrasessantacinquenni – abitazioni, abbigliamento, mobilità, alimentari, con l’eccezione dei farmaci –  sono meno della metà di quelli della popolazione più giovane. Dal lato dell’offerta, nella società digitale la maggioranza delle innovazioni è fatta dai giovani ed infatti l’Italia è un paese a bassa innovazione che non riesce a dar lavoro neanche ai suoi giovani che sono la metà di trent’anni fa.

Da tutti i dati emerge con chiarezza che l’eccessivo invecchiamento  mette in crisi l’economia di un  paese, a meno di non compensarla con flussi immigratori  paralleli ed intelligenti, come ha fatto ad esempio un  altro paese a bassa natalità e molto vecchio , la Germania  (45 anni di età media) che ha migliorato la condizione demografica prima con massicce immigrazioni di italiani, spagnoli e turchi, poi di siriani, afgani, africani ed oggi ha una quota di immigrati superiore al 15% della popolazione.

E l’Italia come pensa di rimediare ai danni del suo invecchiamento? Con la precarietà crescente dei giovani  senza futuro e senza figli e con le paure anti immigrati che non si abbassano neanche davanti al fatto che 4000 Comuni su 8000 sono in via di spopolamento e destinati a divenire Comuni fantasma? Ai posteri l’ardua sentenza.

Il futuro demografico del paese è addirittura peggiore del presente,  perché la natalità sembra ulteriormente ridursi anziché aumentare – nel primo semestre di quest’anno, sono nati meno bambini rispetto allo stesso periodo di un anno fa – e perché un forte sentimento  anti immigrazione avanza sotto la spinta degli sbarchi continui dal Mediterraneo che impauriscono la gente, anche per la propaganda di odio  anti immigrati diffusa dai  partiti populisti. 

Il tutto favorito dal fatto che pochi conoscono i danni che  un invecchiamento della popolazione da bassa natalità e bassa immigrazione, producono sul sistema produttivo e previdenziale. Sono uscite di recente due “previsioni demografiche al 2050 a migrazioni zero” elaborate da  Eurostat e dal prof. Livi Bacci che non hanno avuto circolazione mediatica.  Il quadro che ne esce è nero, non tanto per le riduzioni di popolazione da 10 a 14 milioni, quanto per l’ulteriore invecchiamento. L’Italia, paese ad alta intensità abitativa,  potrebbe vivere bene con 10 milioni in meno, ma non con 12 milioni di giovani in meno e 2 milioni di anziani in più .

L’età media della popolazione passerebbe dall’attuale 45 a 53 anni e l’indice di dipendenza anziani (rapporto tra popolazione di 65 anni e più e popolazione di 15-64 anni) passerebbe dall’attuale 34% al 43%, che decreterebbe il tracollo definitivo dell’assetto socio-economico. 

Condividi su:

Scarica PDF:

image_pdf
Cerca

Altri post

Le istituzioni tra IO e NOI

Rispondo volentieri alla sollecitazione di Raffaele Morese, cercando di declinarle in termini istituzionali rispetto ai due

Iscriviti alla newsletter

E ricevi gli aggiornamenti periodici

NEWSLETTER NUOVI LAVORI – DIRETTORE RESPONSABILE: PierLuigi Mele – COMITATO DI REDAZIONE: Maurizio BENETTI, Cecilia BRIGHI, Giuseppantonio CELA, Mario CONCLAVE, Luigi DELLE CAVE, Andrea GANDINI, Erika HANKO, Marino LIZZA, Vittorio MARTONE, Pier Luigi MELE, Raffaele MORESE, Gabriele OLINI, Antonio TURSILLI – Lucia VALENTE – Manlio VENDITTELLI – EDITORE: Associazione Nuovi Lavori – PERIODICO QUINDICINALE, registrazione del Tribunale di Roma n.228 del 16.06.2008

Iscriviti alla newsletter di nuovi lavori

E ricevi gli aggiornamenti periodici