Seguici anche su Youtube

Newsletter

L’ età dell’ impunita’ e come combatterla

Il presidente Joe Biden è stato schietto sull’enormità della sfida che il suo e altri governi democratici devono affrontare in quest’era di crescente autoritarismo. “Questa è una battaglia tra l’utilità delle democrazie nel ventunesimo secolo e le autocrazie”, ha detto nella sua prima conferenza stampa alla Casa Bianca. “Questo è ciò che è in gioco qui. Dobbiamo dimostrare che la democrazia funziona “.

I valori sono tornati, e non solo sul fronte interno. L’amministrazione di Biden porrà maggiore enfasi sulla difesa dei diritti umani in tutto il mondo, comprese Cina e Russia. Vuole che la necessità umanitaria figuri nella strategia militare e ha ritirato il sostegno degli Stati Uniti alle misure offensive della coalizione guidata dai sauditi che combatte contro i ribelli Houthi nello Yemen, che ora è sede della più grande crisi umanitaria del mondo. Vuole che gli Stati Uniti siano all’altezza dei loro impegni legali e morali e ha ripristinato alcuni diritti ai richiedenti asilo.

Per tutto questo ci sono buoni motivi per esserne grati. L’impegno dell’ex presidente Donald Trump per gli accordi piuttosto che per i valori ha incoraggiato gli autocrati di tutto il mondo. I civili uccisi in guerra non erano la preoccupazione di Trump. Né i rifugiati che sono stati cacciati dalle loro case o i giornalisti imprigionati in paesi autoritari. Tuttavia, l’esperienza dei suoi due immediati predecessori chiarisce che la semplice dichiarazione di sostegno ai valori non li fa diffondere.

Il presidente George W. Bush ha proclamato nel suo secondo discorso inaugurale che ” la sopravvivenza della libertà nella nostra terra dipende sempre più dal successo della libertà in altri paesi” e la sua amministrazione si è proposta di sostenere l’espansione della democrazia elettorale in tutto il mondo. Tuttavia, secondo Freedom House, che segue le tendenze democratiche globali, il 2005 è stato l’anno in cui la libertà politica ha iniziato una ritirata pluriennale.

Da parte sua, il presidente Barack Obama ha istituito un Consiglio per la prevenzione delle atrocità per fare della cessazione del genocidio e delle atrocità di massa un “interesse fondamentale per la sicurezza nazionale e una responsabilità morale fondamentale”. Ma i belligeranti in Siria e Sud Sudan, tra gli altri luoghi, non sarebbero disciplinati da un comitato di funzionari a Washington.

Gli sforzi di Bush e Obama non sono stati privi di merito o di risultati, ma hanno rivelato le sfide della diffusione dei valori democratici liberali. Gli sforzi del primo erano troppo magniloquenti, radicali e semplicistici, i secondi troppo circoscritti e tecnocratici.

La lotta contro l’impunità – la capacità degli attori di commettere crimini senza affrontare la giustizia – e per la responsabilità fornisce un’agenda più pratica e inclusiva rispetto agli sforzi precedenti per portare valori nella politica estera. Biden dovrebbe fare della “promozione della responsabilità” la causa della politica estera della sua presidenza. Sarebbe naturalmente accanto al suo impegno per la “promozione della democrazia” a casa. Per ottenere più di quanto hanno fatto Bush e Obama su questo fronte, dovrà mobilitare una coalizione di governi, imprese private e società civile per costruire un “potere di contrapposizione” contro le forze dell’impunità.

L’ASCESA DELL’IMPUNITÀ

Nelle zone di conflitto in tutto il mondo oggi, l’impunità è in marcia. Che si tratti di un bombardamento dell’Arabia Saudita su un autobus che trasportava scolari yemeniti o del presidente Bashar al-Assad e dei suoi alleati che prendono di mira le strutture sanitarie in Siria, i governi e i gruppi ribelli violano sempre più le leggi e le norme internazionali senza essere puniti o tenuti a renderne conto. I missili e i razzi che volano tra Israele ei Territori palestinesi occupati, con i civili all’estremità ricevente, sono solo l’esempio più recente.

Come risultato dell’aumento dell’impunità, la morte e lo sfollamento dei civili sono in aumento. Una media di 37.000 civili sono stati uccisi nel conflitto ogni anno tra il 2016 e il 2020, secondo l’ Armed Conflict Location and Event Data Project . Si tratta di due volte e mezzo il numero di vittime civili rispetto al quinquennio precedente e quasi dieci volte di più rispetto al periodo dal 2005 al 2009. In tutto il mondo, un record di 79,5 milioni di persone sono state costrette a lasciare le loro case, principalmente a causa del conflitto. Sono aumentati anche gli attacchi alle strutture sanitarie. Da quando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che condanna gli attacchi agli ospedali nel maggio 2016, ci sono stati oltre 2.000 attacchi alle strutture sanitarie in tutto il mondo. Anche durante la pandemia COVID-19, nel 2020 sono stati uccisi più operatori sanitari e pazienti che nel 2019. Nel frattempo, anche la pulizia etnica e le uccisioni di operatori umanitari sono aumentate.

La lotta contro l’impunità nelle zone di guerra è un imperativo legale oltre che morale, poiché i diritti dei civili sono delineati nelle carte, nelle convenzioni e nelle leggi delle Nazioni Unite. Eppure coloro che violano queste leggi sono supportati e incoraggiati da sistemi che li proteggono dalla responsabilità: regole militari di ingaggio che mascherano il diritto internazionale umanitario, coalizioni politiche che guardano dall’altra parte quando i membri trasgrediscono e fanno appello alla sovranità nazionale che protegge le azioni illecite dagli investigatori e osservatori.

Nel 1998, il giurista francese Louis Joinet ha stabilito quattro principi per prevenire l’impunità: il diritto di conoscere crimini e abusi, il diritto alla giustizia, il diritto al risarcimento e il diritto alla non ripetizione di quei crimini o abusi. Tutti e quattro i “Principi di Joinet” sono attualmente minacciati. I governi stanno escludendo i giornalisti dalle zone di conflitto e chiudendo Internet. La Corte penale internazionale è sotto accusa. E le riparazioni e la non ricorrenza sono nel regno della fantasia.

L’amministrazione Biden ha proposto un vertice delle democrazie. La lotta contro l’impunità dovrebbe essere all’ordine del giorno di quella riunione e oltre. Biden e il suo team dovrebbero condurre uno sforzo coordinato e completo, composto da paesi liberaldemocratici ma non limitato a loro (e non limitato al settore pubblico), per smantellare i sistemi e le culture che supportano l’impunità e per costruire sistemi e culture di responsabilità al loro posto. Se fatti bene, questi sforzi creeranno un circolo virtuoso, in cui cresce la responsabilità, i sistemi che proteggono i violatori dei diritti dalla punizione saranno messi sotto pressione e le culture dell’abuso inizieranno a cambiare.

IL POTERE CONTROPRODUCENTE  

Un potente quadro per pensare alla lotta contro l’impunità proviene dal campo dell’economia. Nel suo libro del 1952, American Capitalism: The Concept of Countervailing Power, John Kenneth Galbraith ha presentato un argomento convincente per disciplinare i colossi dell’economia statunitense del dopoguerra per salvaguardare gli interessi delle famiglie lavoratrici. Affinché gli americani potessero beneficiare dell’efficienza di queste grandi società senza cadere vittima di truffe sui prezzi e altri abusi, era necessario un “potere di contrapposizione” di controlli ed equilibri per proteggere consumatori e lavoratori. Questo potere compensativo ha preso la forma del salario minimo e del sostegno ai prezzi federali per gli agricoltori, tra le altre politiche, e organizzarlo era “il compito centrale del governo”.

Oggi, è necessario un potere di contrasto nelle relazioni internazionali per costruire sistemi e culture di responsabilità che possano contrastare quelle dell’impunità. Laddove l’impunità prospera sulla segretezza, il potere di contrasto richiede trasparenza. Dove l’impunità cerca di nascondersi, il potere di contrasto cerca di smascherare. Laddove l’impunità respinge le richieste di responsabilità come ingerenza straniera, il potere di contrasto punta alla Carta delle Nazioni Unite e alle leggi ad essa associate e chiede che siano onorate.

Coloro che uccidono i non combattenti in battaglia – bombardando le loro case, bombardando i loro centri sanitari, rastrellandoli e uccidendoli semplicemente a causa della loro etnia – non devono poterlo fare senza conseguenze. Tali crimini dovrebbero essere al centro di una campagna contro l’impunità, perché rappresentano la punta dell’iceberg: se la vita dei civili non può essere protetta nelle zone di conflitto, allora quale speranza c’è per i casi più difficili, dove non c’è conflitto ufficiale, dove le leggi della guerra sono meno rilevanti e dove il diritto internazionale umanitario è meno sviluppato? I civili hanno diritti in conflitto. È necessario un potere compensativo per far valere questi diritti.

LA COALIZIONE NECESSARIA

I combattenti in conflitto si sentono sempre più liberi di ignorare i diritti dei civili in guerra perché devono affrontare pochi costi politici, economici o legali per farlo. Cambiare il loro calcolo, al fine di cambiare il loro comportamento, richiederà un’azione non solo da parte di altri governi, ma anche dai settori pubblico e privato e dalla società civile. La risposta deve essere multisettoriale o, come la chiama Pascal Lamy, ex direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio, “plurilaterale”. Proprio come ci sono voluti il ​​potere del governo, le risorse del settore privato e la pressione della società civile per approvare il Trattato sul commercio di armi o per istituire il Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia, ci vorranno tutti e tre questi elementi per invertire la tendenza verso un’età di impunità.

È stato piacevole ascoltare l’impegno dell’amministrazione Biden di difendere lo stato di diritto, un impegno che inizia a casa. I paesi che cercano di frenare l’impunità devono assicurarsi di essere all’altezza degli standard internazionali di responsabilità, sia in patria (ad esempio, attraverso la fedeltà alla legge) che all’estero (ad esempio, attraverso indagini indipendenti su presunte violazioni della legge). Rispettando essi stessi questi standard, preparano il palcoscenico per riunirsi e cercano di ritenere responsabili anche gli altri attori.

In questo sforzo, ci sono strumenti disponibili per gli Stati Uniti e i suoi partner che attualmente non vengono utilizzati. Ad esempio, le indagini delle Nazioni Unite sui crimini di guerra in Siria sono state poco convinte: troppo poche, troppo concentrate, non adeguatamente seguite. Il New York Times e investigatori indipendenti, come Bellingcat e l’Osservatorio siriano per i diritti umani, hanno fatto più che circoscrivere le commissioni delle Nazioni Unite per denunciare gli abusi del diritto internazionale in Siria. 

Alcuni potrebbero ribattere che la Russia avrebbe posto il veto a qualcosa di più rigoroso. Ma la Russia ha pagato un prezzo limitato per quell’ostruzione negli ultimi anni e, a meno che quel prezzo non venga aumentato, Mosca concluderà, giustamente, che agli altri paesi non importa. Lo stesso vale per altri conflitti, compreso quello nello Yemen, dove la coalizione a guida saudita, che fino a poco tempo fa comprendeva gli Stati Uniti, è stata implicata in violazioni dei diritti insieme al gruppo ribelle Houthi.

Coloro che si sono impegnati a porre fine all’impunità dovrebbero sostenere gli sforzi per utilizzare i sistemi legali per ritenere responsabili i responsabili. La Germania, ad esempio, ha consentito che le prove raccolte da organizzazioni non governative indipendenti e rifugiati siriani fossero utilizzate in tribunale per condannare cittadini siriani in base al principio della giurisdizione universale. Questo è un importante passo avanti e dovrebbe essere accompagnato dall’uso di sanzioni in stile Magnitsky contro i colpevoli.

Altri strumenti per combattere l’impunità sono le relazioni tra militari, l’addestramento militare e le coalizioni militari con nazioni amiche. L’adesione al diritto internazionale umanitario dovrebbe essere una parte fondamentale di questi contatti. Un recente rapporto del Comitato internazionale della Croce Rossa ha evidenziato l’importanza di ciò che l’organizzazione chiama queste “relazioni di supporto” militari per il rafforzamento della protezione civile. I membri premurosi delle forze armate statunitensi riconoscono la ragione pratica e di principio di questi impegni e sono rimasti sconvolti dalla retorica di Trump sulla condotta della guerra.

Tuttavia, i governi da soli non possono convocare un potere di compensazione sufficientemente grande per frenare l’impunità. Il settore privato, con la sua enorme influenza e responsabilità, deve far parte dell’equazione. I produttori di armi, o finanziatori di fabbricanti di armi, che pensano che sia sbagliato che le loro armi vengano utilizzate per prendere di mira i civili, hanno il dovere di parlare e agire di conseguenza. Gli assicuratori che sottoscrivono prodotti o governi che contribuiscono alle violazioni del diritto internazionale umanitario dovrebbero chiedersi: “Perché lo stiamo facendo?”

Le aziende tecnologiche e dei media hanno una responsabilità particolarmente grande, perché il controllo dello spazio delle informazioni è così fondamentale per sostenere i sistemi di impunità e proteggere i trasgressori dalla responsabilità. Nelle zone di conflitto in tutto il mondo, i blackout efficaci delle notizie sono la norma ora, non l’eccezione. Rompere questi blackout richiede pressioni politiche, ma richiede anche innovazione tecnologica per consentire ai civili di documentare in sicurezza gli eventi e trasmettere tali informazioni all’estero.

Le aziende saranno tentate di fare solo gesti simbolici. C’è una piaga di greenwashing e gesti aziendali simbolici. Nel 2019, ad esempio, molte aziende hanno deciso di boicottare una conferenza in Arabia Saudita nota come “Davos nel deserto” dopo l’omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi. Ma le stesse società hanno deciso di partecipare proprio l’anno successivo, anche se erano state rese pubbliche ancora più prove del coinvolgimento ufficiale saudita nell’omicidio. Perché la partecipazione del settore privato alla coalizione contro l’impunità possa fare la differenza, deve essere sostenuta. Alla fine, questo significa convincere le aziende che i governi che mancano di rispetto ai diritti umani finiranno per abusare dei diritti di proprietà, raggiungendo il risultato finale.

Creare una coalizione per la responsabilità e contro l’impunità sarà un duro lavoro. Ma se i valori devono informare ancora una volta la politica estera degli Stati Uniti, come ha promesso Biden, allora il destino dei civili nelle zone di conflitto deve essere centrale per la definizione di successo dell’amministrazione. Non c’è prova migliore per verificare se l’America è davvero “tornata” che invertire la marea dell’impunità – e questo richiederà un impegno a costruire un potere di contrapposizione pezzo per pezzo, settore per settore, questione per questione. Non saranno necessarie nuove leggi. Le regole e le idee nella Carta delle Nazioni Unite e nei documenti associati sono sufficienti. Devono solo essere sostenuti.

 

*DAVID MILIBAND è Presidente e CEO dell’International Rescue Committee. Dal 2007 al 2010 è stato Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth del Regno Unito. In Foreing Affair 14/05/2021

Condividi su:

Scarica PDF:

image_pdf

Altri post

Mai piu’ indifferenza

Rivolgo un saluto molto cordiale, ai Presidenti del Senato, della Camera e del Consiglio dei ministri,

Iscriviti alla newsletter

E ricevi gli aggiornamenti periodici

NEWSLETTER NUOVI LAVORI – DIRETTORE RESPONSABILE: PierLuigi Mele – COMITATO DI REDAZIONE: Maurizio BENETTI, Cecilia BRIGHI, Giuseppantonio CELA, Mario CONCLAVE, Luigi DELLE CAVE, Andrea GANDINI, Erika HANKO, Marino LIZZA, Vittorio MARTONE, Pier Luigi MELE, Raffaele MORESE, Gabriele OLINI, Antonio TURSILLI – Lucia VALENTE – Manlio VENDITTELLI – EDITORE: Associazione Nuovi Lavori – PERIODICO QUINDICINALE, registrazione del Tribunale di Roma n.228 del 16.06.2008

Iscriviti alla newsletter di nuovi lavori

E ricevi gli aggiornamenti periodici