Seguici anche su Youtube

Newsletter

Le posizioni dei principali partiti

Stralcio dai programmi elettorali 2018 del Movimento 5 stelle, del PD, di Forza Italia. La Lega, come quasi tutti gli altri partiti, ne parla nell’ambito della loro riforma fiscale o non ne parlano affatto

La proposta del Movimento Cinque Stelle

Il reddito di cittadinanza può essere richiesta da persone con determinati requisiti che nel programma vengono quantificati in nove milioni di persone. Questi requisiti sono: avere almeno 18 anni, essere disoccupato o inoccupato o ricevere un reddito da lavoro o una pensione inferiore alla soglia di povertà.

In Italia la soglia di povertà è stabilita a 780 euro mensili, che tuttavia può variare in base alla composizione del nucleo familiare ed è per questo considerata variabile anche nella proposta del Movimento Cinque Stelle. Non è pignorabile, né soggetto a tassazione.

Un’importante precisazione riguarda il fatto che il reddito di cittadinanza non è rivolto a ogni singola persona ma al nucleo familiare nel suo complesso, il che vuol dire che una sola famiglia può ottenere il reddito di cittadinanza anche se in quel nucleo familiare vi siano più persone con un salario inferiore ai 780 euro. Dunque un “solo” reddito di cittadinanza a famiglia.

 

La proposta del PD

 Consiste nell’allargamento del reddito d’inclusione. I nostri governi hanno realizzato la prima misura strutturale di contrasto alla povertà in Italia, il reddito d’inclusione (REI). Vogliamo raddoppiare le risorse per questa politica nella prossima legislatura, in modo da raggiungere tutta la platea delle famiglie in condizioni di povertà e rafforzare la rete di servizi di attivazione, sociale e lavorativa.

 

La proposta di Forza Italia

“Purtroppo in Italia 4 milioni e 750 milioni di persone vivono nella povertà assoluta, un dato impressionante e inaccettabile in un Paese europeo. Noi abbiamo pensato ad una misura drastica, un reddito di dignità. Sotto la soglia di mille euro di reddito al mese non soltanto non si dovrà pagare nessuna tassa, ma sarà lo Stato a versare una somma per integrare per arrivare ai livelli di dignità garantita da Istat”. *

*dichiarazione di Silvio Berlusconi del 28/12/2017

 

Condividi su:

Scarica PDF:

image_pdf
Cerca

Altri post

Le istituzioni tra IO e NOI

Rispondo volentieri alla sollecitazione di Raffaele Morese, cercando di declinarle in termini istituzionali rispetto ai due

Iscriviti alla newsletter

E ricevi gli aggiornamenti periodici

NEWSLETTER NUOVI LAVORI – DIRETTORE RESPONSABILE: PierLuigi Mele – COMITATO DI REDAZIONE: Maurizio BENETTI, Cecilia BRIGHI, Giuseppantonio CELA, Mario CONCLAVE, Luigi DELLE CAVE, Andrea GANDINI, Erika HANKO, Marino LIZZA, Vittorio MARTONE, Pier Luigi MELE, Raffaele MORESE, Gabriele OLINI, Antonio TURSILLI – Lucia VALENTE – Manlio VENDITTELLI – EDITORE: Associazione Nuovi Lavori – PERIODICO QUINDICINALE, registrazione del Tribunale di Roma n.228 del 16.06.2008

Iscriviti alla newsletter di nuovi lavori

E ricevi gli aggiornamenti periodici