Seguici anche su Youtube

Newsletter

Offrire ai giovani una prospettiva di ideali e di valori

Prendo la parola per pochi minuti per rivolgere un saluto di grande cordialità a tutti i presenti e particolarmente, attraverso il Sindaco, alla città di Ravenna.

Un saluto molto intenso ai familiari di Zaccagnini; la loro presenza manifesta il legame con i figli e i nipoti di Benigno Zaccagnini e di Anna Zaccagnini, scomparsa da poche settimane.

Non posso aggiungere molte parole alla bella rievocazione fatta dal Professor Formigoni ed al filmato coinvolgente di Giuseppe Sangiorgi. Vorrei soltanto sottolineare come sia di grande valore che Ravenna ricordi Zaccagnini a trent’anni dalla sua scomparsa, per il legame così forte che vi era tra Zaccagnini e il suo territorio.

Poc’anzi il professor Formigoni ha parlato del senso di provvisorietà dell’impegno politico in Zaccagnini; che è un senso autentico dell’impegno politico, che può durare anche a lungo, ma è sempre, per sua natura, provvisorio e si aggiunge alla dimensione personale. E questa provvisorietà nasceva dal suo legame, così forte, con la sua professione di medico, con la sua città, con il suo territorio.

C’era del fascino in questo legame così stretto con la sua città, il suo territorio e la sua apertura verso l’altrove, verso ogni altra realtà.

L’ho constatato tante volte. Ma mi è apparso nella maniera più evidente nella veglia di trenta anni fa la notte prima dei funerali di Zaccagnini nel vostro Duomo. Una veglia improvvisata in quelle ore notturne, illuminata dalle parole del vescovo di allora, Ersilio Tonini. In quelle ore notturne vi erano tanti ravennati nel Duomo, ma anche tante persone venute da ogni parte d’Italia. Perché? Perché la gente percepiva, giovani e meno giovani percepivano l’autenticità delle sue parole e dei suoi comportamenti. Era credibile quando parlava del fondamento etico dell’impegno politico, della tensione morale in politica.

Avendo avuto il privilegio di frequentarlo per diversi anni, ricordo il suo sorriso, che esprimeva il suo animo, la sua apertura, la sua disponibilità, la sua attitudine al dialogo e al confronto con l’attenzione più grande verso l’interlocutore.

Era la stessa condizione che in lui faceva sviluppare amicizie profonde e autentiche.

Il professor Formigoni e il Sindaco hanno poc’anzi ricordato l’amicizia con Arrigo Boldrini; abbiamo visto l’amicizia con il suo amico anarchico che con lui svolgeva l’impegno di aiutare i bambini degli ospedali.

Ricordo un altro episodio. Quando al congresso fu riconfermato segretario nel momento della proclamazione non c’era. Era partito velocemente per Ravenna perché era morto un suo amico. Questo rifletteva il senso di umanità profondo che lo muoveva.

Perché la politica non può essere disumana.

Vorrei ricordare alcune parole del suo ultimo discorso in pubblico, alla fine dell’ottobre di trent’anni fa, in un’iniziativa di Luigi Granelli. Zaccagnini parlò dell’esigenza, del dovere, di offrire ai giovani un orizzonte di ideali, una prospettiva di valori per evitare – così disse – l’inaridimento. Inaridirsi è il pericolo che si corre.

È un messaggio forte per oggi, per il nostro momento presente.

Io rappresento tutte le opinioni, le ideologie, le correnti, le posizioni, le convinzioni del nostro Paese. Questo non mi impedisce di sottolineare, per ciascuna di esse, i loro caratteri.

E questo messaggio così attuale, in questa ultima occasione in pubblico di Zaccagnini, è in fondo il messaggio storico e culturale del cattolicesimo democratico che ha visto in Zaccagnini una figura esemplare. Vivendo – come egli ha vissuto – la sua profonda fede cristiana in maniera semplice, autentica. In maniera laica.

Un atteggiamento che lo accomuna a Luigi Sturzo, Alcide De Gasperi, Aldo Moro, un atteggiamento che non è la rinuncia alle opinioni e neppure l’attenuazione della propria ispirazione. Al contrario: è la ricerca con tutti gli altri del bene comune.

La ricerca del bene comune insieme a chiunque altro, a tutti gli altri, al di là dei confini di ideologie, opinioni e fedi, è quello che Benigno Zaccagnini ha fatto in tutta la sua vita.

Per questo gli siamo davvero profondamente riconoscenti.

 

*Intervento del Presidente della Repubblica alla cerimonia in ricordo del Sen. Benigno Zaccagnini, in occasione del 30° anniversario della scomparsa, Ravenna, 05/11/2019

Condividi su:

Scarica PDF:

image_pdf

Altri post

Da consumatore a produttore

Da un bel po’ di giorni, gli italiani sono alle prese con la quadratura dei conti

Iscriviti alla newsletter

E ricevi gli aggiornamenti periodici

NEWSLETTER NUOVI LAVORI – DIRETTORE RESPONSABILE: PierLuigi Mele – COMITATO DI REDAZIONE: Maurizio BENETTI, Cecilia BRIGHI, Giuseppantonio CELA, Mario CONCLAVE, Luigi DELLE CAVE, Andrea GANDINI, Erika HANKO, Marino LIZZA, Vittorio MARTONE, Pier Luigi MELE, Raffaele MORESE, Gabriele OLINI, Antonio TURSILLI – Lucia VALENTE – Manlio VENDITTELLI – EDITORE: Associazione Nuovi Lavori – PERIODICO QUINDICINALE, registrazione del Tribunale di Roma n.228 del 16.06.2008

Iscriviti alla newsletter di nuovi lavori

E ricevi gli aggiornamenti periodici