Seguici anche su Youtube

Newsletter

Sguardo sul rapporto tra cinema e lavoro. 35a parte: 1999

Prosegue il nostro viaggio tra i film che nel tempo hanno rappresentato il mondo del lavoro e dell’economia. In questa trentacinquesima parte ci occupiamo delle pellicole dell’anno 1999.

Come sempre, prima della rassegna dei film ricordiamo quelli che sono, a nostro avviso, i principali eventi dell’anno preso in esame.

1999

Il 1º gennaio nasce l’Euro, la nuova moneta europea che entrerà in vigore il 1º gennaio 2002, inizialmente per 12 paesi. 

A marzo Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca diventano membri della NATO.

Sempre a marzo in Jugoslavia iniziano i bombardamenti da parte delle forze NATO contro la Jugoslavia per porre fine alla repressione della maggioranza albanese in Kosovo voluta dal presidente nazionalista serbo Milošević.

Ad aprile la Camera dei deputati non concede l’autorizzazione a procedere contro il senatore di Forza Italia Marcello dell’Utri, accusato di associazione mafiosa.

Negli USA in una sparatoria in una scuola superiore muoiono 15 persone e 24 restano ferite. Si ricorda come il massacro della Columbine High School.

A maggio Carlo Azeglio Ciampi viene eletto presidente della Repubblica Italiana. A Roma le Nuove Brigate Rosse uccidono il consulente del ministero del lavoro Massimo D’Antona.

In giugno termina il bombardamento della Serbia, dopo che la stessa Serbia firma con la NATO l’accordo sul ritiro dal Kosovo.

Il 17 settembre Romano Prodi viene eletto presidente della Commissione Europea. Rimarrà in carica cinque anni.

Il 30 novembre a Seattle (USA) iniziano imponenti manifestazioni contro l’Organizzazione Mondiale del Commercio. Nasce il movimento no-global. 

Il 17 dicembre: l’assemblea Generale dell’ONU fissa il 25 novembre come Giornata internazionale contro la violenza contro le donne.

Il 24 dicembre Papa Giovanni Paolo II apre la Porta Santa, dando avvio al Giubileo 2000.

Il 31 dicembre il Presidente russo Boris Elsin si dimette lasciando il posto al successore Vladimir Putin.

 

Premio Nobel per la pace.Il 15 ottobre l’associazione francese Médicins sans frontièresriceve il Nobel per la pace. Medici senza frontiere è un’organizzazione internazionale non governativa, fondata il 22 dicembre 1971 a Parigi da medici e giornalisti, tra cui Bernard Kouchner. Essa si prefigge lo scopo di portare soccorso sanitario ed assistenza medica nelle zone del mondo in cui il diritto alla cura non è garantito.

 

 

Premi Oscar 1999 (dal 21 marzo al 21 marzo)

Il 1999 verrà però ricordato in Italia soprattutto per l’Oscar al miglior film straniero a La vita è bella, che vince altri due premi: a Benigni come migliore attore e a Nicola Piovani per la colonna sonora. Il precedente successo per l’Italia era del 1992, per Mediterraneo, il successivo sarà nel 2014 per La grande bellezza.

Miglior film: Shakespeare in Love

Miglior regia: Steven Spielberg per Salvate il soldato Ryan

Miglior attrice protagonista: Gwyneth Paltrowper Shakespeare in Love

Miglior attore protagonista: Roberto Benigni per La vita è bella

Miglior film straniero: La vita è bella

Miglior colonna sonora (drammatica): Nicola Piovani per La vita è bella

Premio alla carriera: Elia Kazan

 

Vincitori al Festival di Cannes 1999

Palma d’oro per il miglior film: Rosetta, regia di Jean-Pierre e Luc Dardenne

Grand Prix Speciale della Giuria: L’umanità (L’humanité), regia di Bruno Dumont (Francia)

Prix de la mise en scène: Pedro Almodóvar – Tutto su mia madre, regia di Pedro Almodóvar (Spagna/Francia)

 

Vincitori del Festival di Venezia 1999

Leone d’oro al miglior film: Non uno di meno (Yi ge dou bu neng shao) di Zhang Yimou

Leone d’oro alla carriera: Jerry Lewis

Vincitori del Festival di Berlino 1999

Orso d’oro per il miglior film: La sottile linea rossa di Terrence Malick

Orso d’argento per il miglior regista: Stephen Frears per Hi-Lo Country

 

Nel 1999 escono nelle sale film importanti come L’assediodi Bernardo Bertolucci (sul tema dell’immigrazione), Una storia vera di David Lynch, Tutto su mia madre di Pedro Almodovar.

Tra i film che sono vicini alle nostre tematiche ne indichiamo tre americani, due inglesi, due francesi e un francobelga. Evidenziamo anche tre titoli italiani, gli unici a nostro avviso degni di nota.

 

 

Insider – Dietro la verità,         USA 1999 regia di Michael Mann, con gli attori: Al Pacino, Russell Crowe, Christopher Plummer, Diane Venora.

Si narra una storia vera, quella degli additivi chimici aggiunti alle sigarette per rafforzare l’assuefazione al fumo, e delle cause che costarono alle multinazionali del tabacco sanzioni in 50 Stati per un totale di 256 miliardi di dollari. 

 

24 ore donna,       USA 1999 regia di Nancy Savoca con gli attoriRosie Perez, 

Marianne Jean-Baptiste, Patti LuPone, Diego Serrano, Karen Duffy, Aida Turturro, Wendell Pierce, Rosanna De Soto, Chris Cooper.

Grace produttrice TV diventa madre: come si possono tenere assieme lavoro, carriera e famiglia? Una tematica molto attuale, che qui viene affrontata 20 anni fa.

 

La storia di Agnes Browne,     USA 1999 regia di Anjelica Hustoncon gli attori:

Anjelica Huston,  Marion O’Dwyer, Niall O’Shea, Ciaran Owens, Rosanna Williams, Tom Jones.

Dublino 1967. Rimasta vedova con sette figli dai 2 ai 14 anni, Agnes Browne s’inventa un lavoro, tiene testa a uno strozzino, trova un nuovo amore, trasmette ai figli la rettitudine. Omaggio all’Irlanda e alle sue donne, il film è pieno, per dirla con Morandini: “di buoni sentimenti e di stereotipi irlandesi. Realistico soltanto nei sapidi dialoghi confidenziali” (“Sette figli e neanche un orgasmo”).

Janice Beard segretaria in carriera,          GB 1999  regia di  Clare Kilner con gli 

attoriEileen Walsh, Rhys Ifans, Sandra Voe, Patsy Kensit, DavidO’Hara, Frances Grey.

Janice Beard, scozzese di 23 anni, a Londra in cerca di lavoro per guadagnare e curare la madre gravemente depressa. Janice è bugiarda, un po’ matta, ma generosa. Assunta in prova in un’azienda automobilistica, è coinvolta in un brutto affare di spionaggio industriale. Il film è una intelligente e interessante fotografia della vita di ufficio e delle sue ipocrisie.

 

 

Ratcatcher      GB 1999    regia di Lynne Ramsay, con gli attoriWilliam Eadie, 

Tommy Flanagan, Mandy Matthews, Lynne Ramsay Jr., Michelle Stewart, Leanne Mullen.
Glasgow 1973, durante uno sciopero della nettezza urbana, in un quartiere degradato di periferia si assiste al passaggio dall’infanzia all’adolescenza di un dodicenne che sogna una casa bella e pulita. Lo sciopero accentua la sporcizia e lo squallore nella città invasa dai rifiuti. Infatti “Ratcatcher” significa acchiappatopi.

 

Il gusto degli altri       Fr. 1999regia di Agnès Jaoui   e con gli attoriAnne 

Alvaro, Jean-Pierre Bacri, Brigitte Catillon, Alain Chabat, Agnès Jaoui, Gérard 

Lanvin, Anne Le Ny, Christiane Millet.

Il film è stato un grande successo in Francia. Si narra di un ricco e incolto industriale, che assiste a una recita di una tragedia e s’innamora della prima attrice che è anche la sua insegnante di inglese. Quest’ultima cambia non solo la sua vita, ma quella di tutte le persone accanto a lui.

Risorse umane         Fr. 1999   regia di Laurent   Cantet   e con gli attoriJalil 

Lespert, Jean-Claude Vallod, Chantal Barré, Veronique de Pandelaëre, Michel Begnez, Lucien Longueville.

Frank, laureato in economia aziendale inizia uno stage estivo nella fabbrica dove lavora il padre operaio. È convinto di poter conciliare gli interessi di capitale e lavoro con una gestione equilibrata della legge francese sulle 35 ore settimanali. Quando scopre che l’hanno usato per far passare una ristrutturazione della fabbrica e la conseguente riduzione del personale, si schiera con la lotta dei lavoratori e dei sindacati. Raro esempio di cinema sul mondo operaio che entra dentro la fabbrica e nelle tematiche delle riorganizzazioni aziendali. 

Rosetta            Belg.-Fr. 1999  regia di Jean-Pierre e Luc Dardenne  e con gli 

attori:   Émilie Dequenne, Fabrizio Rongione, Anne Yernaux, Olivier Gourmet.

Rosetta vive nel carrozzone di un campeggio con la madre alcolista che si prostituisce. Ogni giorno va in città in cerca di un lavoro che trova, perde, ritrova, che le portano via, che si riprende. È ossessionata dalla paura di scomparire e dalla vergogna di essere un’emarginata fino al punto di meditare il suicidio.

Baci e abbracci    It 1999   regia di Paolo Virzì  e con gli attoriFrancesco

Paolantoni, Edoardo Gabbriellini, Massimo Gambacciani, Pietro Gremigni, Emanuele Barresi, Paola Tiziana Cruciani, Isabella Cecchi, Daniela Morozzi, gli Snaporaz.
Tre ex operai di Livorno, disoccupati, mettono in piedi un allevamento di struzzi nella valle del Cecina e cercano di ottenere finanziamenti dalla Regione. 

 

Panni sporchi   It. 1999   regia diMario Monicelli e con gli attoriPaolo 

Bonacelli, Marina Confalone, Alessandro Haber, Benedetta Mazzini, Mariangela Melato, Ornella Muti, Michele Placido, Luigi Proietti, Pia Velsi, Gianfranco Barra.
Monicelli e Suso Cecchi D’Amico firmano una commedia, ambientata in unborgo delle Marche, dove una famiglia di piccoli industriali va in rovina a causa di rapaci delinquenti albanesi. 

La vicenda è il pretesto per gli sceneggiatori per ragionare sul “tema centrale della società italiana in preda al mondiale fondamentalismo neoliberista: il denaro (sogno, avidità, fame) con il suo corredo di debiti, scadenze, assegni a vuoto, usurai e perdita dell’idea di onestà”. (Morandini)

 

Non mi basta mai      It. 1999    regia di Guido Chiesa, Daniele Vicari e con gli 

attori:    Ebe Matta, Vincenzo Elafro, Pasquale Salerno, Gianni Usai, Pietro Perotti.
Che fanno e come vivono gli operai della Fiat vent’anni dopo la lotta dei 35 giorni nel 1980 e dopo la sconfitta sindacale? Si raccontano i casi di 5 di loro che furono licenziati e del loro lavoro di oggi. Le interviste si alternano con spezzoni di materiali d’epoca, di film militanti e riprese amatoriali girate durante i 35 giorni del blocco dei cancelli. 

Condividi su:

Scarica PDF:

image_pdf

Altri post

Mai piu’ indifferenza

Rivolgo un saluto molto cordiale, ai Presidenti del Senato, della Camera e del Consiglio dei ministri,

Iscriviti alla newsletter

E ricevi gli aggiornamenti periodici

NEWSLETTER NUOVI LAVORI – DIRETTORE RESPONSABILE: PierLuigi Mele – COMITATO DI REDAZIONE: Maurizio BENETTI, Cecilia BRIGHI, Giuseppantonio CELA, Mario CONCLAVE, Luigi DELLE CAVE, Andrea GANDINI, Erika HANKO, Marino LIZZA, Vittorio MARTONE, Pier Luigi MELE, Raffaele MORESE, Gabriele OLINI, Antonio TURSILLI – Lucia VALENTE – Manlio VENDITTELLI – EDITORE: Associazione Nuovi Lavori – PERIODICO QUINDICINALE, registrazione del Tribunale di Roma n.228 del 16.06.2008

Iscriviti alla newsletter di nuovi lavori

E ricevi gli aggiornamenti periodici