Seguici anche su Youtube

Newsletter

Appello ”Basta con i paradisi fiscali”

Tutti noi usiamo i servizi pubblici, finanziati attraverso le tasse: scuole, ospedali, trasporti.
Se un sistema fiscale si fonda su principi di equità, tutti ne beneficiano.
Purtroppo oggi i sistemi fiscali sono fortemente iniqui, contribuendo a una situazione in cui:

– 896 milioni di persone vivono in condizioni di estrema povertà*, tra cui 7 milioni di italiani in stato di grave deprivazione materiale;
– 57 milioni di bambini non hanno accesso all’istruzione;
– 663 milioni di persone non hanno acqua potabile**.

Una rete globale di paradisi fiscali consente a multinazionali e super-ricchi di eludere tasse per centinaia di miliardi di euro ogni anno, privandoci di risorse preziose, di cui tutti potremmo beneficiare. Molti governi sono complici di questo sistema: alimentando una dannosa concorrenza fiscale provocano enormi perdite di gettito. A subirne le conseguenze più gravi sono soprattutto i paesi più poveri, privati delle risorse necessarie per garantire servizi essenziali come istruzione e sanità, e per attuare misure efficaci di lotta alla povertà.

Soltanto un’azione coordinata di tutti i governi può porre fine a questa ingiustizia. Per questo noi cittadini chiediamo al Premier Gentiloni di lavorare, insieme agli altri leader europei e mondiali, ad una radicale riforma dell’attuale sistema fiscale globale così che tutti – e non soltanto alcuni – possano realmente beneficiarne.

Per mettere fine all’era dei paradisi fiscali chiediamo di:
– abbandonare su scala nazionale incentivi e pratiche fiscali dannose ponendo fine all’agguerrita concorrenza fiscale fra paesi;
– introdurre l’obbligo di rendicontazione pubblica paese per paese per tutte le multinazionali così da conoscere quanto versano in imposte nei diversi paesi in cui operano;
– creare registri pubblici dei proprietari effettivi delle aziende per impedire i trasferimenti in forma anonima dei proventi dell’evasione ed elusione fiscale;
– introdurre a livello europeo un modello vincolante di tassazione unitaria delle multinazionali (con i profitti europei distribuiti equamente fra i diversi paesi interessati) per far pagare le tasse alle multinazionali operanti nell’UE laddove conducono realmente la loro attività economica;
– istituire un comitato intergovernativo a partecipazione paritetica di tutti i paesi che abbia il mandato di facilitare la cooperazione fiscale fra i paesi e di riscrivere le regole della fiscalità internazionale elaborando misure stringenti anti-elusione delle multinazionali.

Un mondo più giusto è possibile solo se si lavora per il bene comune. È quello che ci aspettiamo da chi ci governa. Mettere fine all’era dei paradisi fiscali è il primo passo per il mondo più giusto che tutti noi vogliamo.

Grazie.

_____________

Note:
http://www.worldbank.org/en/topic/poverty/overview
** http://www.charitywater.org/whywater

 

Condividi su:

Scarica PDF:

image_pdf

Altri post

Da consumatore a produttore

Da un bel po’ di giorni, gli italiani sono alle prese con la quadratura dei conti

Iscriviti alla newsletter

E ricevi gli aggiornamenti periodici

NEWSLETTER NUOVI LAVORI – DIRETTORE RESPONSABILE: PierLuigi Mele – COMITATO DI REDAZIONE: Maurizio BENETTI, Cecilia BRIGHI, Giuseppantonio CELA, Mario CONCLAVE, Luigi DELLE CAVE, Andrea GANDINI, Erika HANKO, Marino LIZZA, Vittorio MARTONE, Pier Luigi MELE, Raffaele MORESE, Gabriele OLINI, Antonio TURSILLI – Lucia VALENTE – Manlio VENDITTELLI – EDITORE: Associazione Nuovi Lavori – PERIODICO QUINDICINALE, registrazione del Tribunale di Roma n.228 del 16.06.2008

Iscriviti alla newsletter di nuovi lavori

E ricevi gli aggiornamenti periodici