Seguici anche su Youtube

Newsletter

Terre rare: la Cina estrae sempre di più in Birmania. 

La Cina, che controlla quasi il 90% della capacità globale di lavorazione delle terre rare, ha di fatto esternalizzato gran parte della sua estrazione al Myanmar, con costi terribili per l’ambiente e le comunità locali. La maggior parte degli HREE (Heavy Rare Eart Elements) del Myanmar provengono dallo Stato Kachin, al confine con la Cina. Il Kachin ha assistito a una lotta decennale tra le comunità etniche e l’esercito del Myanmar per una maggiore autonomia politica. 

Dopo il colpo di stato militare, la giunta ha lottato per mantenere il controllo territoriale a causa della forte opposizione dell’opinione pubblica e dei gruppi armati. A due anni dal primo rapporto, Global Witness ha rivisitato il panorama minerario tossico di questa regione. Nuovi dati commerciali, immagini satellitari e testimonianze delle comunità rivelano che la dipendenza del mondo da un angolo remoto del Myanmar non ha fatto altro che aggravarsi, e così sono aumentate anche le conseguenze per coloro che vivono lì. 

L’impatto sulla salute dei lavoratori, sull’ambiente e sulle comunità locali continua ad essere devastante. Un membro della comunità della città di Chipwe ha dichiarato: “Non ci sono più pesci nelle acque. Entrare in acqua può causare prurito e infezioni. Quando gli animali bevono l’acqua, muoiono”. Abbiamo anche scoperto che le importazioni di ossidi di terre rare pesanti dal Myanmar alla Cina sono salite alle stelle dai precedenti massimi di 19.500 tonnellate nel 2021 alle 41.700 tonnellate nel 2023 – più del doppio della quota cinese di estrazione di HREE nazionale. Dato che nel frattempo sono emerse limitate fonti alternative, ciò consolida ulteriormente il ruolo del Myanmar come principale fonte di HREE vitali.

Le immagini satellitari aggiornate analizzate da Global Witness rivelano la distruzione che questa domanda sta provocando. Nella regione speciale 1 di Kachin, controllata da milizie alleate con la brutale giunta militare, il numero di siti minerari è aumentato di oltre il 40%. Il lucroso commercio del Myanmar in HREE – del valore di 1,4 miliardi di dollari nel 2023 – rischia di finanziare conflitti e distruzione in una regione altamente instabile.  

A farne le spese sono i lavoratori e la popolazione locale. In tutta la regione mineraria, i lavoratori lamentano tosse, intorpidimento, malattie della pelle e problemi ai reni, tutti rischi per la salute noti derivanti dal cocktail chimico utilizzato nelle miniere. Global Witness ha avuto accesso alle interviste con la moglie e la madre di due minatori morti poco dopo essere stati licenziati dal lavoro. Entrambi soffrivano di gravi problemi gastrointestinali, tra cui la rottura degli organi e l’accumulo di liquidi nell’addome. Le loro famiglie erano convinte che la loro morte fosse stata causata dall’esposizione chimica, sebbene nessuna delle due fosse stata diagnosticata. Uno era padre appena sposato. L’altro era un ragazzo di 15 anni. “I suoi organi interni erano marci”, ha detto la vedova del minatore. “Se spiegassero [di questi rischi], chi andrebbe a lavorare lì?”

   Queste sostanze chimiche tossiche si stanno infiltrando nei corsi d’acqua dove un tempo la popolazione locale pescava e attingeva acqua da bere. I recenti dati di campionamento dell’acqua visti da Global Witness, hanno mostrato che diversi corsi d’acqua nella regione speciale 1 del Kachin sono altamente acidi e contengono livelli elevati di arsenico. 

L’acqua contaminata sta minacciando di devastare una regione conosciuta come un hotspot globale di biodiversità, che ospita circa 1.500 specie che non esistono da nessun’altra parte, e i più grandi tratti rimanenti di foresta primaria del sudest asiatico. “Tutto è distrutto”, ha detto Ah Brang. “Non si può più piantare nulla nei campi. Non riesco più a pescare nei ruscelli. Molti animali sono morti bevendo quell’acqua”. 

Questa crisi ambientale è aggravata dall’escalation delle questioni sociali. Tra gli uomini locali è in aumento il consumo di droga, così come la violenza e la microcriminalità. Con la spirale dei prezzi dei beni di prima necessità, gli adolescenti lasciano la scuola per tentare la fortuna nelle miniere, mentre le giovani donne vengono reclutate tramite annunci sui social media per fornire servizi sessuali e domestici ai lavoratori cinesi che occupano ruoli più remunerativi nelle operazioni minerarie. 

La domanda di magneti permanenti, utilizzati principalmente nei veicoli elettrici e nelle turbine eoliche, sta guidando il boom dell’estrazione di terre rare nello stato Kachin. Sembra che la produzione di HREE del Myanmar, venga utilizzata prevalentemente per la produzione di trasformatori in Cina, per arrivare ai produttori di magneti, e poi alle aziende di veicoli elettrici e di turbine eoliche, alcune delle quali hanno nomi familiari. Secondo il direttore della ricerca della società di consulenza Project Blue: “l’uso di terre rare pesanti provenienti dal Myanmar nei motori dei veicoli elettrici prodotti da molti marchi domestici occidentali è quasi inevitabile.

Condividi su:

Scarica PDF:

image_pdf
Cerca

Altri post

Le istituzioni tra IO e NOI

Rispondo volentieri alla sollecitazione di Raffaele Morese, cercando di declinarle in termini istituzionali rispetto ai due

Iscriviti alla newsletter

E ricevi gli aggiornamenti periodici

NEWSLETTER NUOVI LAVORI – DIRETTORE RESPONSABILE: PierLuigi Mele – COMITATO DI REDAZIONE: Maurizio BENETTI, Cecilia BRIGHI, Giuseppantonio CELA, Mario CONCLAVE, Luigi DELLE CAVE, Andrea GANDINI, Erika HANKO, Marino LIZZA, Vittorio MARTONE, Pier Luigi MELE, Raffaele MORESE, Gabriele OLINI, Antonio TURSILLI – Lucia VALENTE – Manlio VENDITTELLI – EDITORE: Associazione Nuovi Lavori – PERIODICO QUINDICINALE, registrazione del Tribunale di Roma n.228 del 16.06.2008

Iscriviti alla newsletter di nuovi lavori

E ricevi gli aggiornamenti periodici